Lili and her suitcase

É trascorsa ormai una settimana, ma anche a distanza di 7 lunghi giorni pieni di lavoro e impegni (soprattutto di lavoro), non posso non raccontare qui del viaggio che mi ha portato, ancora una volta, a Bologna, dai miei affetti, e dove ho nutrito la parte più profonda di me.

Si, perché viaggiare mi appaga l’anima, dà pace al mio spirito, mi ricongiunge alla Vita stessa e a quel suo dinamismo tipico: in Natura tutto si muove! Perfino un sasso, all’apparenza fermo, se analizzato ci rivelerebbe che le particelle che lo compongono sono in perenne movimento, perché solo ciò che è morto non si muove.

Allora pianifico, telefono, prenoto e poi vado! Quando il motore della Citroen comincia a rombare, quando le ruote imboccano l’autostrada, allora tutto di me sa che i giorni che mi aspettano saranno pieni di adrenalina ed emozioni.

Ancor di più quando so che andrò a trovare un pezzo di cuore, e so che condividerò momenti unici.

È difficile tradurre in parole le tante sensazioni ed emozioni che, anche stavolta, ho vissuto a Bologna: i colori, i suoni, i sapori sapientemente offerti, i momenti di riflessione filosofica che stavolta mi hanno fatto sperimentare una nuova visione della città, una visione di ciò che c’è dietro la superficie che tutti possono scorgere.

Insomma, un condensato di mistica effervescenza che ho voluto racchiudere, per quanto possibile, nel video che troverete alla fine di questa pagina, come gli altri, da me interamente realizzato.

Certamente non vi farà vivere i colori, i sapori e gli odori che ho vissuto io, ma forse potrà esortarvi a non rimandare a un futuro lontano un viaggio che potreste fare domani.

Viaggiare è darsi del tempo, di qualità.

Viaggiare è amarsi. Ed amare.

Stay lovin’, stay bloggin’ 🙂

Se questo articolo ti è piaciuto, clicca qui per iscriverti al mio blog, oppure lascia un commento sotto